Ho portato il Metodo Feldenkrais al Biennale College di Danza

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

La scorsa primavera-estate ho lavorato al Biennale College di danza. Una vera e propria sfida perché i ragazzi, giovani tra i 18 e 23 anni nonostante fossero creativi, promettenti e curiosi, a parte due, non avevano mai fatto un lavoro Feldenkrais vero e proprio. Aggiungo anche che la richiesta di Marie Chouinard, Direttrice del festival di far sperimentare il metodo puro e il proprio corpo, osservando le minime tensioni ed abitudini poco funzionali, non è facile per danzatori così giovani perché, anche se stupendi a vedersi, pensano a danzare e non sono ancora in grado di fare un ascolto profondo di sé se non in vista di un’applicazione ad una coreografia. Quest’anno, prende il mio testimone Ami Shulman, danzatrice, coreografa che ha danzato anche con la Compagnie Marie Chouinard. Da brava insegnante Feldenkrais, anche lei mette l’attenzione all’ascolto del proprio corpo ed afferma l’importanza di dancing the movement and not executing a form.

A Marie Chouinard, danzatrice e coreografa canadese al suo primo anno come Direttrice del Festival di Danza a Venezia, va il grande merito di aver inserito per la prima volta alla Biennale il somatic approach. La Biennale Danza di Venezia - ha dato largo spazio al progetto Biennale College. Nato nel 2013 con lo scopo di dare ai giovani artisti la possibilità di lavorare affiancati da grandi maestri del panorama internazionale, questa iniziativa ha ottenuto un grandissimo successo e mira a coinvolgere ed accorpare sempre più le varie attività della Biennale traendo energie, idee e novità dalle nuove generazioni.

Questa la proposta della neo direttrice per la Biennale College – Danza 2017, progetto rivolto alla formazione di giovani artisti. Sono stati selezionati 15 danzatori tra i 18 e i 23 anni (11 italiani, 2 statunitensi, 1 francese, 1 australiana) che per 3 mesi – dal 4 aprile al 26 giugno 2017 – hanno seguito gratuitamente un percorso integrato tra training e creazione con un focus metodo Forsythe.

Il training era dedicato al somatic approach, ovvero a pratiche focalizzate sulla consapevolezza del corpo, sull’energia, il processo e le sensazioni interiori nella danza; tutte pratiche che donano al danzatore di oggi, cui è sempre più spesso richiesto di lavorare anche al di fuori di strutture e tecniche codificate, una maggiore personalità e una grande flessibilità. Le diverse pratiche della consapevolezza del corpo (o somatic approach) sono state condotte da Judith Koltai (Authentic Movement) e da Dale Russell (Breathexperience), Nora Benian (Yin Yoga), e Maria Raffaella Dalla Valle (Feldenkrais).

Sul fronte della creazione si sono analizzate tecniche di danza contemporanea, privilegiando il metodo Forsythe, e si è sviluppata la ricerca del movimento. In particolare, i danzatori selezionati hanno lavorato su Sider di William Forsythe con Katja Cheraneva, Frances Chiaverini, Josh Johnson, Roberta Mosca, David Kern, gli stessi artisti della compagnia di Forsythe per cui il pezzo fu originariamente creato, e su una nuova creazione affidata al coreografo canadese Benoît Lachambre, pluripremiato artista che ha fatto dell’improvvisazione l’asse portante del suo lavoro coreografico.

Estratti di Sider e la nuova creazione di Lachambre sono stati presentati dai danzatori nell’ambito dell’XI Festival Internazionale di Danza Contemporanea.

Ecco i nomi dei miei meravigliosi ragazzi ai quali auguro tanto lavoro e felicità: Luana Battistelli, Georgia Bettens, Clara Cafiero, Sara Cavalieri, Lucrezia Gabrieli, Claire Gieringer, Caroline Loiseau, Luigi Luna, Giorgia Bernadette Maugeri, Mariangela Milano, Margherita Mattia, Danilo Smedile, Giulia Spinelli, Giulia Russo, Madison Webber.

Ringrazio ancora Marie Chouinard per avermi scelta, Viviana Palucci e Manola Bettio per i preziosi suggerimenti ed i miei ragazzi per la … sfida! 

  

 

 

 

 

Sedi ed orari dei corsi

Vai alla pagina clicca qui

Sedi dei seminari

in Italia ed all’estero in lingua inglese
scrivere a seminari@mariaraffaelladallavalle.com per info

Centro Ricerca Feldenkrais e narrativa del movimento

via Butturini n. 2
37100 VERONA VR
CF DLLMRF58H69E349S
Partita IVA 02769890233
Mobile: +39 342 8298562
email: info@mariaraffaelladallavalle.com

 

 

© 2017 Maria Raffaella Dalla Valle. All Rights Reserved.